Google+

Banche, c’è il sì al decreto… Rimborsi fino a 80% sotto i 35mila euro

Prima le nomine, poi l’approvazione del “decreto banche“. Anche questo è arrivato dal Consiglio dei ministri di questa sera, annunciato in conferenza stampa dal premier Matteo Renzi, ma già ampiamente previsto. Un documento compostoda tre parti: rimborsi, recupero crediti e Dta e fondo di solidarietà per la riconversione del personale del credito.

renziiiiii

Il punto sottolineato da Renzi è la volontà di “risolvere in modo definitivo le problematiche del mondo bancario nel nostro paese” e accusa di avere “volutamente e strumentalmente” raccontato la vicenda delle quattro banche salvate dal governo in maniera “diversa dalla realtà”, mentre il governo ha “salvato i correntisti che sarebbero andati gambe all’aria”.

I bondholder delle quattro banche finite in risoluzione otterranno il rimborso fino a un massimo dell’80% delle somme perse con la Risoluzione senza la necessità di arbitrato solo se hanno un reddito lordo inferiore a 35 mila euro oppure se il loro patrimonio mobiliare è inferiore a 100 mila euro.

Il rimborso forfettario degli obbligazionisti delle quattro banche “vale per tutti quelli che hanno acquistato” obbligazioni “entro la data del 12 giugno 2014. Rimangono fuori soltanto 158 persone che hanno acquistato sul mercato elettronico secondario a prezzi scontati. Definirli truffati è un pò difficile, ma avranno la possibilità di ricorrere all’arbitrato”.

Fonte: qui

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*