Google+

STUPRATA DALL’AUTISTA BOSNIACO SUL PULLMAN DOPO LA SERATA IN DISCOTECA… (INTEGRAZIONE?)

Violenza sessuale aggravata. Questa l’accusa che pende sul capo di un 38enne di nazionalità bosniacaattualmente rinchiuso al carcere di Capodistria. L’uomo, residente a Sesana (Slovenia) avrebbe stuprato una studentessa 24 britannica ma residente a Trieste a bordo di un minibus privato. La giovane voleva essere riportata a casa dopo una serata trascorsa alla discoteca Cantera di Sistiana: una festa universitaria privata che la ragazza ha dovuto lasciare in anticipo rispetto al previsto a causa di una serie di dolori al ginocchio.

violentata-ll

L’uomo guidava uno dei pulmini che si occupano di riaccompagnare in città i giovani dopo la discoteca. La ragazza è salita a bordo da sola e di lì a poco è successo il peggio. Dell’accaduto, che si è verificato nella notte tra il 20 e il 21 maggio scorsi, se ne stanno occupando i carabinieri di Trieste in sinergia con la polizia slovena. Le indagini non sono ancora chiuse, c’è da fare maggiore chiarezza sulla dinamica del viaggio. Un vero e proprio incubo stando alla denuncia della ragazza che durante il tragitto a causa dell’alcol e della stanchezza si è addormentata.

Come riporta il Gazzettino, quando si è risvegliata si è trovata una mano sulla bocca. Quella dell’aggressore che le ha tolto pantaloni e mutande per violentarla. Poi è tornato a guidare. Ma non contento, si è fermato di nuovo e ha ripetuto l’abuso. Infine l’arrivo in Piazza Oberdan dove la giovane è stata scaricata e ha preso un taxi per tornare a casa. Sotto choc. Il giorno dopo la 24enne si è precipitata al comando dei carabinieri in via dell’Istria per raccontare cosa le era successo precisando però, riferisce il quotidiano locale, di non aver mai perso il controllo nonostante l’ammissione di aver bevuto non poco.

Fonte: Qui

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*